viareggioNella notte a Viareggio una catastrofe. Un treno merci trasporta anche delle cisterne di GPL e tre di queste esplodono coinvolgendo passanti, case e palazzi circostanti. Il mio pensiero si rivolge a due aspetti pratici che forse in pochi hanno sottolineato in questi momenti di dolore dove forse è odioso parlare di responsabilità, ma il dolore cerca spiegazioni che il semplice destino o la fatalità non può certo giustificare. Una prima circostannza da valutare è di natura pratica e forse anche un pò tecnica: nelle autovetture e in tutto ciò che contiene gas in pressione di orgine pericolosa (leggi combustione) va considerato obbligatorio l'uso di bombole a doppia camera che a Viareggio non credo ce ne siano state. Le nostre automobili alimentate a GPL devono avere il "bombolone" a doppia camera che dovrebbe preservare incidenti di deflagrazione in caso di scoppio. Altra piccola considerazione questa puramente tecnica: la revisione dei mezzi ferroviari, in ferrovia: con un rapido calcolo è facile immaginare il dispendio di soldi per sottoporre a naturale manutenzione tutti imezzi circolanti. Allora cosa si fa?? Nel pubblico penso si siano alzate le tolleranze d'intervento: una ruota può girare anche sotto il limite inferiore imposto dal costruttore. L'impiante frenante e le sospensioni sono poi gli organi più soggetti a usura e deterioramento in quanto sempre sotto pressione e sollecitati al massimo. L'incidente delle scorse settimane a Prato penso abbia avuto come rotagonista il cedimento delle sospensione di un assale e le foto testimoniavano in primo piano questo aspetto. Qui a Viareggio si sprecano le foto dell'asse troncato a metà, ma un cedimento struturale così importante certo non può escludere la sollecitazione che tutto il sistema di trazione sopporta. Ho sentito parlare i politici che propongono un "tagliando" non più per età ma a Km... si risolve qualcosa? e poi i Km chi li controlla, se già adesso dovremo confrontarci con la fatalità meccanica accentuata da una negligenza umana che spero non salverà una volta di più i vertici preposti.

Il carrello è vuoto

 

Statistiche