Domenica ad Alba Adriatica si è svolto il Master finale del campionato italiano Finali2011 7di Beach Rugby. Per due giorni le migliori compagini nazionali si sono date batteglia per aggiudicarsi le finali svolte proprio domenica. Le tappe che hanno decretato le squadre partecipanti sono state itineranti per la penisola e per ogni tappa era previsto un punteggio a seconda del piazzamento: unico neo la tappa di Ardea quando per "impraticabilità di spiaggia" si sono assegnati 9.xx punti a tutte le squadre iscritte. L'aspetto cusrioso di tutto questo movimento è che squadre di professionisti si mescolano a dilettanti e tra gli stessi ci si scambiano i giocatori non esistendo delle liste chiuse e presentate: mi viene da dire che mentre molti si divertono altri fanno solo sul serio. In finale, non è difficile da comprendere, sono finite due squadre di professionisti e la vittoria è andata a quella più professionista di tutte, ormai una joint venture del beach rugby: il beach laziale è quasi completamente da loro gestito. Il divertimento e gli intenti sono ai massimi livelli, con giorni e notti passati in spiaggia  dietro a una palla ovale e a un mucchio d'amici vsetiti con maglie diverse. Per il terzo/quarto posto, la direzione del torneo aveva offerto la salomonica decisione di presentare due squadre a paripunti essendo impossibilitati a svolgere la fianle per cattivo tempo: questo quanto offeto, il giorno dopo a livello ufficiale il Catnaia viene indicato come vincitore del terzo posto e   agli Starni Tipi si lascia il quarto posto...che dire?  Le Sabbie Mobili femminile si aggiudicano caparbiamnete il titolo nazionale di categoria e le RED & BLUE il terzo posto tutte e  due a seguito di vittoria su squadre venete...sarà un segno??

Il carrello è vuoto

 

Statistiche