In Calabria tutti hanno dimenticato il sud. All’arrivo si ha sempre la stessa impressione che qualcosa non abbia funzionato negli anni: quell’aria di eterno abbandono e incompletezza la trovi sempre lì pronta a ricordarti il sud che qualcuno ha disegnato in maniera così precisa da applicarlo ad un’area geografica molto vasta.

Qui la ferrovia ha rubato terreno al mare, l’autostrada cammina in mezzo alle aquile e in mezzo trovi paesi e genti ospitate in strutture che, dimenticate, non sono mai state ultimate. Ora vuoi la mafia, vuoi la camorra, vuoi tutto ciò che credi ma qui sembra assistere alla gara di chi la fa più grossa.

RTEmagicC Calabria 1In molti paesi, leggi ad esempio Cetraro, si sono spesi soldi per delle rotonde che immettono al paese da una parte e al lungomare dall’altro, disegnato con inserti nel cemento e con lo stesso che crea un baluardo tra il mare e il paese stesso, ospitando panchine e una passeggiata che ricorderebbe uno splendido lungomare, se solo tutto fosse ad uno stato d’ultimazione dei lavori… peccato che questo istante sia lontano e sconosciuto.  

Lo stato d’animo è quello  forgiato in anni  di convivenza con queste scelte… tanto che puoi fare? Chi va via o è tornato dalla propria esperienza al nord riesce solo a fare dei racconti di come e cosa loro hanno vissuto ma sono incapaci di ripetere le esperienze nella loro terra natia e così si prosegue alzando le spalle e continuando a mandare giù rospi, e vedere città che vengono iniziate a nuove immagini ma mai finite del tutto..

Il carrello è vuoto

 

Statistiche